La migliore libreria online gratuita

Era mio fratello. Vita e morte dell'imolese Giulio Cavulli (1922-1948) e della sua famiglia

FORMAT: PDF EPUB MOBI
DATA DI RILASCIO: 07/09/2019
DIMENSIONI PER FILE: 5,9
ISBN: 9788885473997
LINGUAGGIO: italiano
AUTORE: Bianca Cavulli
PREZZO: GRATIS

Tutti i libri che hai letto e scaricato da noi

Descrizione:

L'autrice ricostruisce con meticolosa e amorosa cura la vicenda umana del fratello Giulio Cavulli e della sua famiglia, dipanatosi rispettivamente dal 1922 al 1948 (anno del suo omicidio) e fino a tutto il XX secolo. Per comprendere al meglio le cause che hanno portato alla tragica fine del giovane imolese è necessario leggerle nel contesto degli avvenimenti storici, politici e sociali di Imola dagli ultimi anni del regime fascista ai primordi dell'età repubblicana.

... l'uomo più importante della mia vita, insieme a mio padre ... Il fratello del nobile ucciso da Lodovico - I Promessi Sposi ... . Così inizia un inno alla famiglia, un tassello che ci aiuta a capire la sua importanza, la sua presenza. LA MORTE DI GIULIO CESARE: DESCRIZIONE. Quando muore Giulio Cesare: Alle Idi di marzo del 44 a.C. Giulio Cesare venne ucciso durante una seduta del Senato di Roma. Fu assassinato dai nemici a cui aveva concesso la sua clemenza, dagli amici a cui aveva concesso onori e gloria, da coloro che aveva nominato eredi nel suo testamento. La sua vita privata scorreva bene anche se Pompeo era assi ... Era mio fratello. Vita e morte dell'imolese Giulio Cavulli ... ... . La sua vita privata scorreva bene anche se Pompeo era assillato da Clodio Pulcro ed era costretto come therapeuon curatore dell'annona a fare viaggi specie in Sardegna e nel 56 anche ad un incontro con suo padre a Lucca per la definizione della spartizione della torta dell' imperium romano. Il sonetto è stato composto nel 1803, in memoria del fratello di Ugo Foscolo, Giovanni Dionigi, pugnalatosi di fonte alla madre per un grosso debito di gioco. Il poeta non era presente, essendo a Milano e non potendo per ragioni politiche raggiungere la madre a Venezia. Ecco dunque l'inizio del sonetto: Un dì. È un aristocratico della città (non meglio specificata) in cui vive Lodovico e compare nel cap. IV, durante il flashback che narra la gioventù di padre Cristoforo: l'uomo non prova molto dolore per la morte del fratello ucciso da Lodovico durante un duello, ma le regole del decoro nobiliare gli impongono di vendicare l'offesa arrecata alla sua famiglia, dunque dapprima chiede invano che ......